La mia prima fatica letteraria!

Pubblicato in maniera indipendente su Amazon, attraverso i consigli di Libroza.com  e con un lungo lavoro di editing, svolto da me e da persone non del settore. Ho voluto pubblicarlo perchè ne avevo bisogno. Volevo mettere un punto. Ho voluto raccontare cinque storie tra il noir e l’horror che portasse il lettore verso un senso di claustrofobia, di disagio che a mio parere è sempre presente in tutti i racconti.

 

La mia prima recensione per il Racconto Memoria7/15-738 la trovate qui.

Sinossi

Memoria 7/15-738

Il racconto si svolge in un futuro dispotico, tra Milano e Ventimiglia, con dei flash back in cui viene spiegata l’evoluzione del personaggio.

Il mondo come lo conosciamo non esiste più. Nessuno è sopravvissuto.

Solo una persona cammina sulle macerie ormai fredde del globo. La stessa persona, che ne ha causato la fine.

Ora assieme al suo assistente robotico, Nik, il protagonista cercherà di redimersi studiando, sperimentando e provando a riportare la vita. Lacerato dai pochi ricordi che ancora detiene è ossessionato dagli unici che ha cancellato, per far posto a nozioni all’epoca per lui indispensabili. Tra questi l’unico suo vero rimpianto. Anna, donna amata in un lontano passato e che per colpa delle sue mire passate aveva perso. Dopo aver visionato un ricordo di Anna, decide di ripartire per una nuova ricerca di eventuali sopravvissuti ma qualcosa prende possesso del suo assistente e fa schiantare l’aereo in mezzo ad una delle poche foreste morenti rimaste.

Il racconto ha un finale volutamente aperto.

Il Guardiano

La vita di Stefano sta per essere trasformata.

Si addormenta davanti alla tv e viene svegliato in piena notte da una presenza che è venuta con uno scopo preciso.

Una forza lo inchioda al pavimento e la stanza si popola di bruchi che strisciano verso di lui. Bruchi che subiscono una trasformazione appena si avvicinano a lui. Le loro piccole teste si tramutano i volti conosciuti. Tutte le persone che ha conosciuto, lo trascineranno in un mondo onirico per giudicarlo.

Alla fine dell’esperienza ha una scelta, seguire l’intruso e divenire suo adepto o perire. Una scelta non facile…

Il Ponte

Il protagonista ha una vita perfetta. Un buon lavoro, una relazione fantastica, una bella casa. E’ soddisfatto, si è guadagnato tutto sputando sangue e cambiando vita. Non può chiedere di meglio ma durante i preparativi del matrimonio, un incontro inaspettato cambia tutto. La sua realtà sembra crollare e perdere consistenza e lui non può permetterlo ma non sarà facile contrastare il destino.

Le colpe del padre

Questo è il racconto meno strano e più convenzionale della serie. Parte da un semplice presupposto. La costrizione forzata e la claustrofobia. Mi fanno paura e ho scritto per esorcizzarle. L’idea nasce e si sviluppa attorno a una semplice scena che ho visualizzato andando in piscina con il mio figlioccio. Se venisse rapito a causa di qualche scelta avventata e si innescassero una serie di eventi drammatici al di fuori della mia portata?

La Caduta

Tyler Orlandi è un uomo potente. Imprenditore importante e ricco, ama oltre a comandare il suo piccolo impero, organizzare feste particolari. Una sera, durante una di queste serate, all’interno della sua tenuta nell’entroterra genovese, un evento fuori dal suo controllo, lo costringerà a raggiungere il limite per sopravvivere.

Un terremoto di lieve entità distrugge una trave difettosa, che cadendo sul letto sottostante, uccide entrambe le sue ospiti. Lui rimane ferito e dolorante, rinchiuso nella stanza dei giochi. Non ha possibilità di fuga. Tyler però non è una persona che si arrende facilmente e una visita inaspettata lo metterà sulla giusta strada…forse

Seguitemi anche su Patreon

Annunci