Qualcosa di sinistro sta per accadere

 

Un film per me epico, direi il mio primo ‘Horror’ se vogliamo catalogarlo cosi, almeno per l’epoca. Correva l’anno 1983 prodotto dalla Disney basato su un racconto Ray Bradbury “Il popolo d’autunno”.

Probabilmente lo visto dopo il 1986, sicuramente di sabato pomeriggio, con mio padre stravaccati sul divano che sapeva di scoreggia stantia. Per ottenere quel risultato c’erano voluti anni di lavoro seriale, da parte appunto del mio babbo. Avevo all ’incirca l’età dei protagonisti e la prima cosa che mi colpi era la libertà di movimento dei ragazzi. Io ero confinato in un appartamento al quarto piano e non potevo uscire se non dalla porta principale. I protagonisti, William Halloway e James Nightshade invece facevano praticamente quello che volevano. Escono di notte ,tornano a sera inoltrata, dormono fuori. James ha la scusa di non avere un padre e una madre di facili costumi e probabilmente alcolizzata, ma i genitori di William ci sono! Ok ,lui è un vecchio e lei sembra vivere nel suo personale mondo, ma quando suo padre torna dal lavoro alle tre di notte e trova il figlio sveglio sulle scale, non fa una piega. Neanche quando spariscono e come spiegazione adducono ad esseri malvagi giunti con l’ultima fiera. La loro età varia dal libro al film, nel primo hanno quattordici anni, nel film sembrano avere circa tra i nove e i dieci anni. Ero invidioso!!!

I miei, se mi spostavo di cento metri dal loro raggio d’azione smobilitavano l’esercito, sguinzagliando cani sottoposti al controllo delle mie mutande.

Parliamo poi delle figure erranti, degli ultimi raminghi del ventesimo secolo, quelli che portano allegria e felicita per una ventina di giorni, sfilando soldi agl’ avventori. All’ epoca vivevo in campagna e la nostra fiera , giungeva due volte l’anno a Ferrada di Moconesi alle spalle del nostro importantissimo campo da calcio. In realtà si trattava di poche attrazione. Un calcio in culo, gli autoscontri, tiro al bersaglio e poche altre. La vera fiera si trovava a fine giugno e fine dicembre a Genova, un intero parco divertimenti. Per cui l’idea proposta dei viandanti stranieri malvagi poteva attecchire facilmente, coinvolgeva. Tutti correvano alla fiera, ma tutti chiudevano casa a doppia mandata,se il campo era nelle vicinanze.

Nel film si sente arrivare il treno, al che i ragazzi escono in piena notte(escono dalla finestra del primo piano) per assistere all’evento, seguono il treno e con loro sorpresa alla fine dei binari, trovano le attrazioni già montate. Primo sintomo che qualcosa non va. Penetrano anche nell’ accampamento e hanno il primo contatto con il diverso, il malvagio. Incontrano la zingara che predice il futuro, una donna bellissima vestita totalmente di nero che accarezza una tarantola. Corrono via impauriti.

Il proprietario, il signor Dark offre ai propri clienti qualcosa in più di un brivido passeggero o una vincita al tiro a segno. Offre quello che più desiderano. Dark, intuisce i bisogni segreti , sesso, soldi, potere e  la chimera dell’ eterna giovinezza. A chi chiede viene dato il dono, il ritorno è altissimo. L’insegnate che vuole essere di nuovo giovane e bella, una volta soddisfatta la sua voglia, diventa cieca. L’uomo che vuole rapporti esotici con donne bellissime, viene a sua volta trasformato in un ibrido, una donna barbuta e cosi via.

Il film ha un impostazione morale pesante, chi da corso ai propri desideri paga il prezzo del peccato. Inoltre la liberazione dal male avviene sempre attraverso un’ intervento divino. In questo caso è il fulmine il dito di Dio. Sia nel corso del film quando i ragazzini vengono attaccati perché hanno scoperto il segreto di Dark e della sua compagnia, sia nell’ epilogo.

In conclusione un film da vedere.

Un ‘ultima chicca l’attore che impersona il signor Dark è Jonathan Price il nostro odiato “Alto Passero” di Trono di Spade.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...