Parlare di questa epica impresa di Roland,  ” La Torre Nera” potrebbe significare parlare del suo autore, ma non è questa la sede, più avanti dedicherò un articolo o più al mio maestro(assieme a Barker e Lovecraft, non dimentichiamo). Oggi voglio solo immergermi nel medio-mondo e se parliamo di Stephen, lo faremo unicamente come protagonista del romanzo.

 

Correva l’anno 1997 la prima volta che mi sono unito al Ka-tet per impedire l’ardito piano di Walter e del Re rosso. Più fortunato di altri in quanto avevo a disposizione tre libri pronti all’uso, meno fortunato di chi li ha letti successivamente con la raccolta completa. Devo dire però che l’attesa del libro successivo in qualche modo mi ha reso partecipe dell’evento. Come direbbe il Maestro, tu Fedele Lettore ti rendi conto che mentre aspetti, lui scrive, che la storia si sta svolgendo in quel preciso istante, per cui forse siamo noi ad essere i fortunati, quelli che hanno superato da un po’ i trenta.

Le altre uscite dalla “Sfera nel buio” in poi sono state comprate immediatamente e lette in pochi giorni, però questo comportava il dover riprendere in mano i precedenti per avere idee fresche su quello che era successo. Alla fine ho letto e riletto più volte la saga, tranne l’ultimo ,solo una volta.

Chi ama King non può aver saltato questa leggenda che coinvolge il mondo di Roland e il nostro, dove King viene trascinato nella sua stessa storia. Un colpo di genio. La più importante, tra tante idee che risultano assolutamente incredibili.  Scritta in ventidue anni, idea nata da una poesia di Robert Browning, “Childe Roland alla torre nera giunse”. King qui ci offre tutto, la distruzione della civiltà, la vita dopo la morte, la magia, la desolazione del male e la determinazione del bene. Passando dal nostro mondo al medio-mondo, incontrando personaggi al limite come Tic Tock o buoni come padre Callahan, percorrendo le paure e i lati oscuri che possono accompagnare tutti noi, come nei protagonisti Detta Walker ed Odetta Holmes, attraverso la dipendenza dall’eroina di Eddie Dean, alla paura di perdere la ragione di Jake Chambers.

Lo fa attraverso le minacce  che ci toccano da vicino ,le guerre atomiche e le loro devastanti conseguenze, in fondo non è difficile immaginare la possibilità che tra mille anni la nostra società sia solo un ricordo, spazzata via dal delirio di pochi ,lasciando dietro di se monumenti distrutti e dal vuoto significato, incomprensibili per gli uomini nati dopo. Come la citta di Lud o il treno pazzo “Blaine il Mono”.

Alla fine ,chiudendo l’ultima pagine della saga, non si rimane delusi, forse si vuole iniziare di nuovo a leggerla, immaginando che la storia prenda un percorso diverso.

Oltre a questo è entusiasmante come la struttura di molti libri del maestro, puntino in direzione dei vettori ,del medio-mondo. Da l’ombra dello scorpione ad Insomnia, le notti di  Salem, il talismano ed altri. Insomma un vero proprio universo connesso, cosa che a noi piccoli nerd piace ,un sacco!

Parlando invece dell’adattamento cinematografico recente, ne sono rimasto deluso, non per carenze del regista o degli attori, semplicemente perché era impossibile condensare in maniera giusta gli anni di lavoro e le migliaia di pagine. Noi che abbiamo sudato e aspettato per avere un opera sublime e perfetta rimaniamo perplessi su tutto quello che non viene detto nel film. Inaccettabile il fatto che i personaggi principali quali Eddie e Susannah, non siano neanche nominati. La fatica a cui abbiamo assistito da parte di Roland e compagnia per abbattere Walter, qui si risolve in pochi incontri e sembra che      l ‘ultimo pistolino non abbia come ossessione il raggiungimento della Torre, ma l’uccisione del Mago.

Il film è da guardare, ma solo chi non ha letto i libri può in qualche modo gustarlo.

Lunghi giorni e piacevoli notti.

 

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.