Barbara Baraldi

Ho assaggiato le sue parole tramite uno dei miei personaggi preferiti che sin dall’adolescenza mi accompagna nel mio lento decadimento. Parlo di Dylan Dog e parlo dell’autrice che da diversi anni collabora con la casa editrice Bonelli Editore.

Laura Baraldi.

Da poco, lo dico sempre e inizio a essere ridondante lo so,(abbiate pietà) sto seguendo il panorama italiano e quindi ho alzato gli occhi da quelle tavole strafighe dove gli incubi si inseguono mese dopo mese e ho iniziato a capire chi le scrive, chi le disegna e cosi via. Lo stesso per gli scrittori italiani. L’icona tutta la femminile che è balzata alla testa della mia classifica è appunto lei.

Ergo ho comprato subito la sua penultima fatica letteraria “Aurora nel buio” e lo divorata in pochi giorni e subito dopo ho preso l’ultima fatica ossia “Osservatore Oscuro” che per il momento giace in attesa di essere letto. Per scelta, perchè voglio aspettare le ferie che stanno finalmente arrivando, per gustarmelo con calma.

Ha una carriera lunga e di successo per quanto sia giovane di età, date uno sguardo a questo link per farvene un’idea,   BB   se come me avete dormito sugli allori in questi ultimi anni e non vi siete interessati del nostro made in Italy artistico.

Premetto che non è il mio genere in assoluto o meglio, leggo di tutto ma amo sicuramente le tinte più scure o ‘oscure’ stile Marolla, Musolino e Mana (parlando di italiani) e nonostante questo, mi ha colpito. Se dovessi azzardare un paragone con una scrittrice americana mi viene subito in mente Patricia Cornwell con la sua eroina Key Scarpetta, quindi come direbbe la mia compagna, mica pizza e fichi…

Mi sono visto tutte le interviste e gli interventi che ho trovato su You tube, sono andato a scartabellare i numeri di Dylan ed eccomi qui.

Devo recuperare è chiaro e dopo aver letto Osservatore Oscuro passerò indiscutibilmente a Torture Garden e poi a Scarlett. Ci vorrà del tempo ma è speso bene, ve lo garantisco.

Sono in ritardo nel parlare del primo libro, attualmente l’autrice sta girovagando per lo stivali per presentare appunto il secondo capitolo della profiler italiana Aurore Scalviati.

Però non posso esimermi dal decantarne le lodi. La storia i personaggi viaggiano in una sintonia perfetta, le pagine scivolano via e si rimane incantati dallo svolgimento. Tutto quello che succede è possibile, lo ritroviamo nelle cronache di tutto il mondo ma sentirlo e viverlo in una provincia italiana potrebbe risultare tirato in qualche modo ma la grande destrezza dell’autrice lo rende reale e quindi vivo ai nostri occhi.

Per chi non ha idea di cosa parliamo rubo la sinossi dal sito della Giunti, sua casa editrice per questa collana:

Aurora Scalviati era la migliore, fino al giorno di quel conflitto a fuoco, quando un proiettile ha raggiunto la sua testa. Da allora, la più brava profiler della polizia italiana soffre di un disturbo bipolare che cerca di dominare attraverso i farmaci e le sedute clandestine di una terapia da molti considerata barbara: l’elettroshock.

Quando per motivi disciplinari Aurora viene trasferita in una tranquilla cittadina dell’Emilia, si trova di fronte a uno scenario diverso da come lo immaginava.

Proprio la notte del suo arrivo, una donna viene uccisa. Il marito è scomparso e l’assassino ha rapito la loro bambina, Aprile, di nove anni. Su una parete della casa, una scritta tracciata col sangue della vittima: ”Tu non farai alcun male”.

Aurora è certa che si tratti dell’opera di un killer che ha già ucciso in passato e che quella scritta sia un indizio che può condurre alla bimba, una specie di ultimatum… Ma nessuno la ascolta.

Presto Aurora capirà di dover agire al di fuori delle regole, perché solo fidandosi del proprio intuito potrà dissipare la coltre di nebbia che avvolge ogni cosa. Solo affrontando i demoni della propria mente potrà salvare la piccola Aprile ed evitare nuove morti

 

Detto questo , comprate e leggete L’aurora nel buio e so lo avete già fatto dedicati al secondo o alle altre opere  dell’autrice. Cliccate qui e si aprirà un portale che vi condurrà tra le pagine di una delle più brave scrittrice del genere.

Come al solito se ho fatto degli errori, segnalateli e saranno tempestivamente corretti.

Quindi non vi rimane che leggere, leggere e leggere.

 

Categorie: Tag: , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.