Intervista a Paolo Massagli


Il mondo dei fumetti , come ho detto più di una volta è distante da me, perchè semplicemente non ho mai seguito con passione il settore, come per i libri, anche se ne sono sempre stato attratto. Ora mi sono deciso e grazie a diversi e incredibili autori, il mio viaggio è iniziato anche in questo grande mondo.

L’autore di oggi è un’altro professionista del panorama italiano. Parlo di Paolo Massagli, come avrete già capito!

Un paio di mesi fa, andando nella fumetteria di zona con i miei figli, sbirciavo tra un’opera e un altra, cercando qualcosa d’interessante e poco dopo sono rimasto colpito da una copertina. Su Facebook, avevo visto lavori simili. Controllo e scopro che l’autore è lui! A seguito di questa mia piccola scoperta  è nata la richiesta di poterlo intervistare.

 

 

  1. La tua prima collaborazione?

 

La mia prima collaborazione è stata su una Fanzine locale dal nome il Fulmicotone dove ognuno faceva la sua storia a seconda del tema scelto. Su questa rivista hanno disegnato e scritto autori che sono poi diventati seri e stimati professionisti.

 

  1. Di che cosa ti occupi oltre al disegno?

Attualmente mi occupo di illustrazione e fumetti, anche se provengo da altri contesti lavorativi totalmente distanti dal disegno e che per una serie di eventi ho dovuto abbandonare.

 

  1. Perché disegni?

Perchè mi piace e mi rilassa. Disegnavo fin da piccolo ed è stato sempre una piccola forma di evasione dalla realtà quotidiana

 

  1. Non sono un esperto quindi ti chiedo, che tipo di tecnica usi per le tue tavole?

Ci sono varie fasi per costruire una storia e una tavola. Se è una storia mia, faccio uno storyboard veloce e schizzato, poi proseguo con la costruzione della tavola a matita e finisco con l’inchiostrazione, usando rapidograph da 0,1 fino a 1,2 e per le campiture china e pennarello uniposca.

 

  1. Come si diventa un disegnatore come Paolo Massagli?

Ognuno ha il suo percorso artistico, personalmente nasco come autodidatta. Sono partito imitando i miei disegnatori feticcio tipo, Manara, Mignola, Mari, Roi e tanti altri, poi piano piano con la pratica e il tempo ho sviluppato un mio stile personale che forse li racchiude tutti quanti.

 

  1. Progetti attuali?

Dovrebbe (meglio essere sempre prudenti) uscire una mia Graphic Novel per l’editore Hollow Press al Lucca Comics di questo anno, un progetto lungo per i miei standard, una storia molto particolare.

 

  1. Con chi ha collaborato in passato e con chi collabori oggi?

In passato ho collaborato con varie riviste nell’ambito dell’underground e con piccoli editori, attualmente con la Hollow Press e LaPiccolaVolante, due realtà recenti nel panorama fumettistico Italiano.

 

  1. Quali sono i tre fondamentali concetti per chi vuole gettarsi nel tuo mondo partendo da zero?

Serietà, rispettare le scadenze e accettare consigli, queste sono quelle ufficiali. Le mie sono: non lo fare, non lo fare e soprattutto non lo fare.

 

  1. Un aneddoto sul tuo lavoro?

Meglio non raccontarli.

 

  1.  È  diverso lavorare con sceneggiature di due autori diversi? 

Lavorare su sceneggiatura cambia a seconda di chi la scrive, c’è quello che descrive ogni minimo dettaglio e inquadratura, lasciandoti poco spazio per la tua interpretazione. Ti limita parecchio e alla fine diventi solo un esecutore e talvolta ne risente anche lo stile che si deve adattare a una sceneggiatura troppo rigida. Poi ci sono sceneggiatori che ti lasciano un po’ più di spazio e sono quelli che preferisco anche perchè secondo il mio parere il risultato finale diventa più godibile sia per chi lo esegue sia per chi lo legge.

 

  1. Ti possiamo incontrare nei prossimi mesi a qualche fiera o evento?

 

Per ora solo Lucca Comics, poi si vedrà.

 

  1. Che cosa legge un disegnatore di fumetti nel suo tempo libero?

 

Fumetti, sono onnivoro in questo senso, leggo dal Manga ai Comics Americani, Fumetti Italiani e Graphic Novel di qualsiasi genere di storia. Per i libri sono un po’ più monotematico, leggo soprattutto Horror, i miei autori preferiti sono: Clive Barker, Stephen King, Thomas Harris e Bret Easton Ellis.

  1. Sei molto attivo sui social, vedo spesso tue vignette con tematiche importanti. Che cosa vuoi comunicare a chi ti segue?

 

I social (purtroppo) sono importanti per promuoversi e almeno una pagina social è quasi un obbligo. Invece le vignette socio/politiche sono slegate dalla mia attività di fumettista, sentivo il bisogno di esternare il mio pensiero sul clima che sta attraversando in questo momento il nostro paese, che dal mio punto di vista non è dei migliori e non mi rappresenta. La finalità è solo quella di far riflettere sia nel bene che nel male e far scaturire una discussione, sperando che sia costruttiva.

 

  1. Progetti per il futuro?

 

Dovrei dire, come fanno i fumettisti fighi, “c’è un progetto segreto che non posso rivelare” ma in realtà io non sono figho e ti dico che vedrò dopo la storia che uscirà per Lucca, tutto dipenderà come verrà accolto dalla critica e dai lettori. Voglio pubblicare se i miei lavori piaceranno se no farò altro. Bisogna mutare e non fermarsi invece di incaponirsi sulle cose.

 

  1. Da cosa possiamo iniziare a leggere, per seguire tutto il tuo lavoro?

 

Elenco in ordine queste edizioni più recenti. OZ edito dalla LaPiccolaVolante ed è la storia rivisitata del mago di O.Z in versione horror/erotica/ psichedelica. In origine uscì in volumetti autoprodotti, poi l’editore era molto interessato ed è stata ristampata in un unico volume compresa la parte finale che non era mai stata stampata. Poi ci sono altri tre fumetti editi dalla Hollow Press dal titolo: Toxic Psycho Killer, storia horror con tematiche ambientaliste. Four, storia horror basata sui cavalieri dell’apocalisse. Chain, ministoria particolare e muta.

 

 

Grazia ancora  per la tua disponibilità, hai acquistato un nuovo follower e per essere precisi, la copertina che mi ha colpito è quella che vi propongo qui sotto! Ci vedremo a Lucca e sarà un onore!

I lavori di Paolo Massagli

Pagina Facebook

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.