I primi incontri


La prima intervista non si scorda mai.

Ho avuto il piacere di proporla a Gualtiero Ferrari, scrittore che è stato finalista del premio Premio Letterario Odissea VIII edizione, organizzato da Delos Books, con il suo romanzo ZetaFobia”.

Amo queste orride creature che si nutrono di sangue e carne, da sempre, ma non avevo mai letto nulla che riguardasse l’epidemia sul suolo italiano, quindi non potevo perdermelo. L’intervista concessa in tempi brevissimi mi ha permesso di rompere il muro della timidezza, Gualtiero mi ha messo subito a mio agio e penso che senza i suoi iniziali consigli, il progetto Black Book sarebbe uscito con molto ritardo. Altri ottimi autori che mi hanno mostrato la via, sono Massimo Spiga e Livio Gambarini. Durante il nostro primo incontro  (Cartoomix 2018) ne sono rimasto affascinato (erano i primi veri scrittori con cui interloquivo di persona) e osservandoli seduti a parlare delle loro opere, ho capito ancora meglio, dove mi piacerebbe arrivare. Entrambi hanno avuto un ruolo nella mia piccola crescita. Livio con lezioni pratiche di scrittura creativa (se non miglioro, non è per colpa sua), Massimo invece è riuscito a ispirarmi per l’organizzazione e la conoscenza degli applicativi che uno scrittore 2.0 oggi giorno deve saper usare.

***

Ho avuto poi il sublime piacere di trovarli tutti e tre a Strani Mondi, il sei ottobre di quest’anno a Milano.

Con Gualtiero ho discorso una decina di minuti, su quanto mi sia piaciuto il libro e di come mi sentivo comunque fuori posto in mezzo a tutti loro (gli scrittori), ma, come aveva già fatto, mi ha detto di non dir sottovalutare la mia determinazione e la mia energia, augurandomi tutto il meglio. In pratica mi ha detto: puoi farcela!

Con Livio abbiamo decantato le storie sia della materia sia dello spirito,  grazie al secondo volume di Eternal War:Vita Nova (presentato in loco) e parlato del mio piccolo progetto attuale. Come sempre un grande. Peccato che non riuscirò nei prossimi mesi a seguire le sue lezioni!

 

Con Massimo invece, ci siamo trovato più e più volte a fumare davanti all’entrata principale filosofeggiando sulla natura della scrittura, sulla vita in generale, sorseggiando candidamente birra come fosse vino pregiato. Ottima compagnia! Paradox è uj libro assolutamente da non perdere!

 

Un grazie a loro è dovuto,in questi mesi mi sono stato molto vicini. Grazie!

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.