Intervista ad Olga Gnecchi


Scrittrice di ampia produzione, Olga Gnecchi nasce ad Agrigento il nel 1985 e vive a Leeds. Tra le sue pubblicazioni, i due thriller Sotto i suoi occhi (2014) e L’ultima cella (2015) e i dark fantasy Creature oniriche (2017) e Viola in dissolvenza (2018). Il racconto Uova è contenuto nell’Antologia Obscuria (Damster ed.). Con Gianluca Ingaramo scrive le parodie Amore Antigas (2016), Giallo Antigas (2017) e Orrore Antigas (2017), il racconto L’indifferente contenuto nell’antologia Jingle Bloody Bells 2 (2016) pubblicata da Nero Press edizioni, Un passo oltre (2017) edito Delos Digital e Colui che attende (2017) per l’antologia Creepypasta edita Nero Press edizioni, e la raccolta weird/horror Alice ex machina e altre storie oltre lo specchio (2017). Ha ricevuto una menzione d’onore dal magazine il Cartello per il racconto Passi (2016) e ha vinto il contest Halloween indetto dalla casa editrice Teomedia con il racconto Ci conosciamo da sempre (2018). Si occupa di servizi editoriali per la Athaena Publishing & Graphics.

La ringrazio oltremodo per la sua disponibilità e mi scuso per il ritardo nella pubblicazione della suddetta intervista.

Dalla quarta di copertina:

Una donna tenta di suicidarsi: dopo aver preso delle pillole, riempie la vasca da bagno e si immerge con lo scopo di lasciarsi morire. Un uomo arriva a salvarla, tirandola fuori dall’acqua, ma in quello stesso istante il tempo si ferma e realtà e sogno iniziano a intrecciarsi.

Un uomo si sveglia nel letto di una sconosciuta. Da quel momento si sentirà perseguitato da una presenza, strane creature occuperanno il suo immaginario onirico e distinguere cosa sia reale diventerà per lui sempre più arduo.

Un essere di luce, senza una propria identità, viene inviato nel mondo. Con l’aspetto di una donna potrà aggirarsi tra gli esseri umani, in attesa di scoprire quale sia la misteriosa missione che dovrà portare a termine. Il compito si rivelerà più difficile del previsto non appena comincerà a chiedersi dove sia finita l’anima della donna di cui sta occupando il corpo; e perché continua a sognare e ad avere desideri umani, mentre non dovrebbe esserne in grado?

Un racconto intenso sul potere dell’anima. Una storia onirica. Una storia d’amore.

***

  1. Chi è Olga Gnecchi?

Olga è una persona normalissima, con una vita normalissima. Si occupa della sua famiglia, fa l’editor e di tanto in tanto scrive racconti.

  1. Come ti sei avvicinata al mondo della scrittura?

Amo scrivere da quando ho imparato a farlo. Solo col tempo, più o meno verso gli ultimi anni di liceo, ho cominciato a inventare storie con una forte componente surreale. Ma non immaginavo di riuscire un giorno a sviluppare interi romanzi e pubblicarli.

  1. Il tuo primo racconto pubblicato?

Il primo è stato un romanzo thriller, “Sotto i suoi occhi”.

  1. Perché raccontare del lato oscuro della vita?

Perché la vita non è mai tutta rose e fiori. Inoltre, il lato oscuro è presente in ciascuno e sono convinta che sia necessario approfondire la sua conoscenza per imparare a conoscere noi stessi, non credi?

  1. L’autore che più ti ha influenzato?

Credo sia Haruki Murakami, col suo realismo magico e i suoi personaggi: gente comune che si ritrova a confrontarsi con situazioni surreali.

  1. Lavori spesso con Gianluca Ingaramo, ho letto diversi vostri (ottimi) lavori e ho avuto il piacere d’intervistare G.I. qualche mese fa. Quando nasce la vostra collaborazione?

La collaborazione con Gianluca è iniziata per gioco. Ci siamo sfidati a scrivere un capitolo ciascuno di una stessa storia, più per farci quattro risate che in vista di una pubblicazione. Abbiamo iniziato quindi a scrivere “Amore Antigas” per scherzo, finendo per sviluppare – grazie agli apprezzamenti (e alle risate) dei lettori – un’intera trilogia di parodie dei generi: romantico/erotico, giallo e horror. Abbiamo così scoperto di lavorare bene insieme e ci siamo cimentati in progetti ben più seri. Alcuni nostri racconti horror sono stati pubblicati da Nero Press e Delos Digital. Poi è stata la volta del romanzo breve weird “Alice ex machina” di cui andiamo abbastanza fieri!

  1. Che cosa serve fondamentalmente a un autore per riuscire a farsi notare?

Spesso un notevole lato B, o forse originalità, talento e impegno costante. Non saprei, non sono brava a farmi notare!

  1. Come sei organizzata per la stesura di uno scritto?

Scrivo di getto, la trama arriva man mano che si sviluppano situazioni e personaggi. Cambio spesso idea, quindi i miei romanzi sono un taglia e cuci di diversa roba che ho tra le cartelle del PC e che ho scritto nel tempo (scrivo ogni giorno, materiale ne ho in abbondanza). Solo verso l’epilogo mi è ben chiaro quale fosse il messaggio che volevo comunicare (il mio inconscio me lo tiene nascosto fino alla fine!) e sistemo tutto nelle diverse fasi di rilettura e editing. Per i racconti, invece, in genere ho ben chiaro in mente dove voglio arrivare, per cui riesco a svilupparli velocemente.

  1. Parlaci del tuo ultimo lavoro: Viola di dissolvenza. Di che cosa tratta?

Viola è un racconto lungo che tratta di anima, coscienza di sé e amore. Nasce da un sogno che ho fatto e si sviluppa come un sogno. Parla di una donna che decide di suicidarsi, di un uomo che si sente perseguitato da una presenza e di un essere di luce che viene mandato nel nostro mondo con una missione da portare a termine. È surreale, fantasy e parecchio cupa come storia d’amore; ho adorato scriverla e inserire elementi di psicologia per cui ho fatto diverse ricerche. E poi, credo fermamente nel messaggio finale.

  1. Che altri scritti possiamo gustare di tua mano?

Oltre “Viola in dissolvenza”, se dovessi consigliare di leggere i miei lavori, citerei “Creature Oniriche”, “Alice ex machina” e “Un passo oltre”. Sono affezionata a tutte le mie opere, ma a queste in particolare.

  1. Progetti per il futuro?

Continuare a scrivere, finché non finisce l’inchiostro!

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.