Chi sono?

Studio, ricerca e tanto altro!

La passione ha un costo, quello primario è il tempo ma servono risorse per offrire contenuti migliori e per raggiungere nuovi traguardi. Uno degli scopi è lo studio dei contenuti interattivi che sono a pagamento. Da questa pagina vi chiedo aiuto per riuscire a raccogliere qualche soldo per finanziarli. Chi vuole può contattarmi per poter spiegare meglio quali saranno gli obiettivi. Potete farlo comprando le mie opere o donando due euro. Grazie per l’attenzione!

€2,00


L’esperienza in questo mondo ha preso il verso giusto, dopo quasi un anno (poco) di assoluto impegno e dedizione, sembra che qualcosa si sia mosso. Una risposta verso una visibilità ricercata, non per meretricio di sorta ma per voglia di farsi sentire. Affermare che ci sono e posso dare qualcosa. Certo sono consapevole che questo è un piccolo passo in questo sconfinato universo ma la rotta è stata impostata. Quindi chi sono?

 

 

Un attempato giovine di quarant’anni che ama il mondo del fantastico in tutte le sue sfaccettature,  soprattutto, lo avrete capito, se contornate da uno spesso alone di oscurità. Amo leggere, guardare film e serie tv. Preferisco avere un libro tra le mani che conversare con una persona, ma la convivenza con la mia attuale compagna ha in un certo qual modo aperto una porta alla vita sociale che mi ha reso meno ostico nei confronti dell’umanità.

Non ho arte né parte ma solo una viscerale passione. Ho svolto (ahimè) solo le scuole dell’obbligo e tentato un paio di volte di dar seguito agli studi, tramite il serale, ma senza successo.

La mia passione è sbocciata in circostanze alquanto bizzarre,. I miei genitori, Testimoni di Geova, al mio rifiuto di servire un Dio, che per me non esisteva, mi chiusero in casa per tre mesi. Avevo quattordici anni. Potevo uscire solo con loro e la biblioteca vicino casa divenne un rito quasi giornaliero assieme a mia madre.

Così divenni un lettore compulsivo e non certo di romanzi rosa!

Ascensore per l’inferno e Scheletri sono state le mie prime letture. Tra alti e bassi dove la mia immaturità mi ha condannato sino ai trentadue anni a una irresponsabilità congenita, l’unica costante è stata la lettura.

Diciamo, per non entrare in dettagli troppo corrosivi, che ho sperimentato tutto quella che si poteva sperimentare, guardando e abbracciando l’abisso. Viaggi in sacco a pelo per l’Europa, lavori persi, lavori trovati, amicizie al limite che mi hanno condotto verso una sorta di apatia che non concedeva sconti.

Ma verso la fine non contava più neanche la lettura e ho deciso di cambiare di tentare un’altra strada. Dopo un periodo di profonda depressione dove ho sfidato i miei personali demoni, ne sono uscito vincitore come Frodo dal pesante fardello di portatore dell’anello. Ho cercato la mia strada e attraverso diversi percorsi auto-imposti sono approdato sulle rive di quest’universo.

Ed eccomi qui. A ottobre ho esordito. Ero nel panico! Prima di pubblicare mi chiedevo cosa potevo o non potevo scrivere. Era tutto giusto? Con la grammatica come siamo messi? Perché lo faccio? Ho la terza media chi vuoi che mi legga? Alla fine mi sono deciso e con il passare del tempo e con l’accumularsi degli articoli la mia sicurezza è aumentata. Sempre però, con la certezza dei miei limiti.

Non solo, preso da un raptus di pura follia piena di egocentrismo ho pubblicato in circa sei mesi una raccolta di racconti in maniera indipendente su Amazon. Dico follia perché per quanto abbia dato il meglio, non ho raggiunto, probabilmente risultati accettabili, non avendo usufruito di editing professionale. Ciononostante, un centinaio di copie sono state vendute e le critiche sono state ottime, specialmente per Memoria 7/15-738, un racconto distopico con la giusta contaminazione di horror. Anche Il ponte, è stato  oggetto di ottimi feedback. Un viaggio nella mente del protagonista, dove ogni sua certezza viene sgretolata a causa di un incontro inaspettato.

Quindi nel mio piccolo un successo, avevo veramente bisogno, che qualcuno apprezzasse in maniera significativa le mie storie.

Non mi bastava. Da maggio ho iniziato a intervistare i vari autori che ho incontrato e cosi giunto all’idea di un nuovo progetto.

Che cosa voglio?

Entrare in questo mondo! in punta di piedi certo, con umiltà, riconoscendo i propri limiti, come dicevo prima (l’arte se non c’è, va trovata studiando, ricercando e cercando il miglioramento) ma sento questa passione premere, spingere e convincermi che sto facendo la cosa giusta!

Il mio prossimo progetto è descritto qui, Black Book!

Chi sono? Semplicemente questo!

Annunci